ArtistsAndBands
.Artists & Bands

.Adv

.Redazione
Nome utente:

Password:



.Contatti
Per inviare il proprio
materiale promozionale
o per qualsiasi contatto
utilizzate il seguente
indirizzo e-mail
Recensioni

.




Artists & Bands : Recensioni : 


Recensioni
  Orphaned Land - Mabool  Popular Letto: 914 volte
Data: 6/6/2006

Anno: 2004
Label: Century Media
Genere: Progressive/Death Metal

di Salvatore Siragusa


ORPHANED LAND
Mabool - The Story of the Three Sons of Seven


Kobi Farhi - Vocals
Yossi Sassi - Guitars
Matti Svatitzki - Guitars
Uri Zelcha - Bass
Eden Rabin - Keyboards
Avi Diamond - Drums



Sul web:
Official site

---------------------------------------------------------------------------------



Anno: 2004
Label: Century Media
Genere: Progressive/Death Metal

Tracklist:
01. Birth Of The Three (The Unification)
02. Ocean Land (The Revelation)
03. The Kiss Of Babylon (The Sins)
04. A'salk
05. Halo Dies (The Wrath Of God)
06. A Call To Awake (The Quest)
07. Building the Ark
08. Norra El Norra (Entering The Ark)
09. The Calm Before The Flood
10. Mabool (The Flood)
11. The Storm Still Rages Inside
12. Rainbow (The Resurrection)

Ritornano dopo 7 anni di silenzio gli israeliani Orphaned Land guidati da Kobi Farhi e ritornano con un disco decisamente interessante.
Si tratta di un concept a sfondo religioso che narra delle vicende di 3 eroi, Leone, Serpente ed Aquila, che metaforicamente rappresentano rispettivamente le 3 grandi religioni monoteistiche, Cristianesimo, Ebraismo ed Islamismo, eroi che cercano invano di conciliare le continue guerre e liti tra i loro popoli con l'intento di evitare la punizione divina che invece si manifesterà con il Diluvio Universale.

Per rappresentare ciò gli Orphaned Land usano un sound decisamente originale, non tanto per le basi che sono un Melodic Death incentrato quasi esclusivamente su una dura e potente voce growl, ed un Progressive che con il cantato pulito e linee musicali più strutturate e melodiche, dovute all'utilizzo di strumenti decisamente non canonici in una metal band, come pianoforte e violino, aggiunti ad ottimi assoli di chitarra e tastiera da un chiaro e marcato segno musicale al platter.
L'originalità, non riscontrabile in band occidentali, sta nel fatto che il tutto è condito con intensi momenti folk, grazie all'uso di voci femminili e cori in ebraico e arabo, a proposito vi sono anche parti in yemenita e latino, oltre che ovviamente in inglese, che aggiunto all'utilizzo di strumenti tipicamente arabo/israeliani arricchiscono il sound degli Orphaned Land con colori e sapori decisamente Mediorientali, che a mio parere regalano i momenti più "emozionanti".

Quello che ne viene fuori è comunque un lavoro variegato ed interessante, la cura nella
realizzazione e le grandi capacità tecniche degli Orphaned Land, vedere la parte di chitarra in "The storm still rages inside" o il piano solo su "Norra el norra" per credere, ne fanno sicuramente un disco a cui rivolgere con attenzione ben più di un ascolto, anche per chi normalmente è avezzo a sonorità più soft.
Per un pre-ascolto è presente un loro spazio, ufficiale, su MySpace.



Canzoni consigliate: Ocean Land (The Revelation) - The Kiss Of Babylon (The Sins) - Norra El Norra (Entering The Ark) - Mabool (The Flood) - The storm still rages inside

Giudizio: 8/10

di Salvatore Siragusa









.

Cerca
Google
Partners & Friends

Recensioni più lette

A&B; Consiglia



.