Richieste di pareri scientifici e mandati

L’EFSA riceve richieste di pareri principalmente dalla Commissione europea e, occasionalmente, dal Parlamento europeo. Anche gli Stati membri hanno facoltà di richiedere pareri. Nella richiesta figura il quesito da trattare, le condizioni di riferimento, la data di scadenza ecc.

Una volta ricevuta la richiesta, l'EFSA ne esamina il contenuto, la discute con la Commissione e affronta eventuali aspetti che richiedano un chiarimento. L'EFSA valuta quindi se sia fattibile rispettare la scadenza richiesta. Al termine, l’EFSA e la Commissione concordano il mandato, che comprende le condizioni finali di riferimento e la scadenza vicendevolmente concordata o legalmente prestabilita.

In genere a una richiesta fa seguito la pubblicazione di un parere da parte di uno dei gruppi di esperti scientifici dell'EFSA o del suo Comitato scientifico.

Informazioni sulle singole richieste, compresa documentazione a supporto e stato di avanzamento, sono disponibili nella banca dati denominata Registro delle domande.

Accedi alla banca dati del Registro delle domande

Highlighted CEF requests & mandates

 

L’EFSA fornirà un parere sui rischi del 4-metilbenzofenone negli alimenti

La Commissione europea ha chiesto all’EFSA di valutare il rischio connesso alla presenza di 4-metilbenzofenone in alimenti. Tale richiesta fa seguito a quanto reso noto delle autorità tedesche, che hanno riscontrato che la sostanza chimica è migrata in un prodotto a base di cereali dal suo imballaggio.

All’EFSA è stato inoltre chiesto se l’attuale dose giornaliera ammissibile (DGA) di due sostanze strutturalmente simili, il benzofenone e l’idrossibenzofenone, possa essere applicata anche al 4-metilbenzofenone . L’EFSA prevede di pubblicare il proprio parere entro il 3 marzo 2009.

In aggiunta l’EFSA effettuerà una nuova valutazione della DGA relativa al benzofenone e all’idrossibenzofenone alla luce degli studi tossicologici intervenuti dall’ultima valutazione del 1992. Un parere del gruppo CEF in merito è previsto per la fine di maggio 2009.

Secondo le autorità tedesche, il 4-metilbenzofenone, un componente degli inchiostri impiegati negli imballaggi di questo prodotto a base di cereali, è passato dalla superficie stampata della scatola di cartone all’alimento.

L’EFSA si tiene costantemente in contatto con la Commissione europea e gli Stati membri dell’UE per ottenere l’invio di qualsiasi informazione pertinente a sostegno delle proprie valutazione del rischio.

Request from the European Commission to EFSA - 18 February 2009(0.6Mb)

EFSA's reply to the European Commission - 20 February 2009(0.1Mb)

Evaluation by the former Scientific Committee for Food in 1992(6.3Mb)