Istat.it martedì 17 novembre 2009, ore 06:28 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica cerca 
freccia
Dati e prodotti
Home : Dati e prodotti : Tavole di dati : Conti economici regionali
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Conti economici regionali



argomenti

Periodo di riferimento: Anni 1995-2008
Diffuso il: 11 novembre 2009

L'Istat rilascia le stime complete dei conti regionali per l'anno t a distanza di circa 21 mesi, effettuando contestualmente la revisione delle stime dei due anni immediatamente precedenti (t-1 e t-2), così da adeguarle alla base informativa più aggiornata e riallinearle alla versione più recente dei conti nazionali.

Le tavole qui pubblicate contengono quindi le prime stime complete relative al 2007, la revisione dei dati relativi al 2005-2006 coerenti con le stime nazionali pubblicate a marzo 2009, e le stime provvisorie relative al 2008 di alcuni aggregati: Pil, spesa delle famiglie per consumi finali, valore aggiunto, occupati interni, unità di lavoro e redditi da lavoro dipendente. Inoltre è stata effettuata la ricostruzione delle serie regionali per il periodo 1995-2000 coerenti con le serie storiche dei conti nazionali realizzate con l'ultimo benchmark.

Le stime a livello regionale riferite al 2008 sono definite provvisorie in quanto la base informativa, composta prevalentemente da indicatori indiretti, è meno robusta di quella dei conti completi diffusi a distanza di 21 mesi. Di conseguenza i dati sono diffusi a un livello di disaggregazione molto contenuto: gli aggregati di occupazione, valore aggiunto e redditi da lavoro dipendente sono analizzati in sole tre macrobranche (agricoltura, industria e servizi); la spesa delle famiglie per consumi finali contiene la disaggregazione in tre tipologie di prodotti (beni durevoli, beni non durevoli e servizi).

Gli aggregati regionali sono prodotti e pubblicati considerando distintamente le Province Autonome di Bolzano-Bozen e Trento che, ai sensi del Regolamento n. 1059/2003 del Parlamento Europeo, sono considerate al 2° livello della Nomenclatura europea delle unità statistiche territoriali (NUTS), al rango delle altre 19 regioni italiane.

Il set di dati relativi al periodo 2000-2007 comprende, oltre al conto delle risorse e degli impieghi e al conto della distribuzione del reddito, le analisi a 24 branche (derivate dalla classificazione NACE Rev.1.1) su valore aggiunto, redditi da lavoro dipendente, retribuzioni lorde, contributi sociali effettivi e figurativi, investimenti fissi lordi, occupati interni (dipendenti e indipendenti) e corrispondenti unità di lavoro. I consumi delle famiglie sono disaggregati in 12 gruppi di beni e servizi; i consumi delle amministrazioni pubbliche in 10 funzioni di spesa.

Per quanto concerne i dati relativi alla serie 1995-1999, sono disponibili: il conto delle risorse e degli impieghi e il conto della distribuzione del reddito, le analisi a 6 branche (derivate dalla classificazione NACE Rev.1.1) su valore aggiunto, redditi da lavoro dipendente, retribuzioni lorde, contributi sociali effettivi e figurativi, investimenti fissi lordi, occupati interni (dipendenti e indipendenti) e corrispondenti unità di lavoro. I consumi delle famiglie sono disponibili in tre tipologie di beni di consumo (durevoli, non durevoli e servizi); i consumi delle amministrazioni pubbliche in 10 funzioni di spesa.


Note
Le somme dei dati regionali e ripartizionali differiscono dal dato riferito al totale nazionale a causa delle attività economiche non attribuibili a specifici territori regionali (es: ambasciate italiane all'estero, piattaforme marine per l'estrazione di idrocarburi).
Nelle tavole non sono utilizzati i normali segni convenzionali, pertanto il valore 0,0 può significare sia che il fenomeno non esiste o presenta valore nullo sia che il dato non raggiunge la metà della cifra dell'ordine minimo considerato. Per effetto degli arrotondamenti in migliaia o in milioni operati direttamente dall'elaboratore, i dati delle tavole possono non coincidere tra loro per qualche unità (di migliaia o di milioni). Tali motivi non sempre hanno consentito la realizzazione della quadratura verticale nell'ambito della stessa tavola.



download

frecciaArchivio unico
ZIP (1599 kbyte)

frecciaIndice delle Tavole
PDF (58 kbyte)

frecciaTavole regionali
ZIP (1408 kbyte)

frecciaNota metodologica
PDF (99 kbyte)


frecciaNota per la stampa


per informazioni
Servizio Offerta di beni
e servizi

Claudio Pascarella
tel. 06 4673.3131
pascarel@istat.it

Alessandro Faramondi
tel. 06 4673.3140
faramond@istat.it

Riccardo Corradini
tel. 06 4673.3143
cont@ct centre

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-44
fax 06 4673.2239-40
cont@ct centre
 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731

'use strict';