testata
contatti chi siamo indice dettagliato


dossier
articoli
resoconti
recensioni
notiziario
ricerche e studi
forum
newsletter
archivi iconografici

 

Dipartimento SITLEC SITLeC
 

Gedit Edizioni

 

RECENSIONI

Danio Maldussi
Dai Quaderni dell’Osservatorio linguistico 1 e 2: che italiano fa?
Riflessioni in chiave traduttiva sui mutamenti “meteorologici” dell’italiano neo-standard

In queste pagine si intende illustrare il progetto dei Quaderni dell’Osservatorio linguistico 1 e 2 (di seguito QOL) evidenziandone meriti, finalità e risultati conseguiti alla luce delle intenzioni dichiarate dagli autori, nonché analizzare la possibile applicazione delle analisi fornite e degli strumenti forgiati in chiave traduttiva, tracciando alcuni percorsi di riflessione in prospettiva futura.

Marco Mazzoleni
Michele Prandi, The Building Blocks of Meaning. Ideas for a Philosophical Grammar.
Amsterdam, Philadelphia: John Benjamins (Human Cognitive Processing, 13), 2004. xviii + 520 pp.
Questo volume raccoglie in una architettura globale complessa e ben articolata gli esiti della fertile interazione fra le due linee fondamentali di ricerca dell'autore sul funzionamento del linguaggio umano: quella linguistica in senso stretto – comunque sempre corredata da una attenzione non comune agli usi ‘creativi', compresi ovviamente quelli letterari –, e quella filosofica in senso lato.

Ira Torresi
The Gender Issue in Interpreting Studies: A Review-Essay
Three years have passed since Michael Cronin made a call for a new "cultural turn" in Interpreting Studies that would "explicitly address questions of power and issues such as class, gender, race in interpreting situations" (Cronin 2002: 387). What has been published since then on the connection between cultural factors or more specifically, gender issues and interpreting?
Elisa Bussi
Alessandra Melloni, Tra immagine e parola. Costruzione del racconto e varietà discorsive nella fiction cinetelevisiva ispanica.
Istituto di Studi Latinoamericani (I.S.LA). Salerno: Oèdipus, 2004. 293 pp.


Gli apporti di carattere teorico che Alessandra Melloni ha elaborato nei saggi contenuti in questo volume si possono riferire, sia per quanto riguarda il cinema che la televisione, a tre ambiti distinti ed interagenti tra loro, la costruzione del racconto, il ruolo della parola e del dialogo e, non ultimo, il gioco della proposta-risposta, stimolo-ricezione, e dunque il ruolo del ricevente nella interazione comunicativa che si crea tra lo schermo, o il piccolo schermo, e lo spettatore.
Rita Monticelli
Raffaella Baccolini and Tom Moylan, eds. Dark Horizons. Science Fiction and the Dystopian Imagination.
New York, London: Routledge, 2003. xi + 264 pp.

Dark Horizons si inserisce, illuminandolo in molti aspetti, nel dibattito sul canone letterario e critico, attraverso lo studio dell'utopia e soprattutto della distopia critica come un genere ibrido che mette in discussione la dicotomia tra teoria e politica e supera le rigide e obsolete separazioni tra i generi letterari.

Università degli Studi di Bologna e Gedit Edizioni
area articoli Dipartimento SITLEC