La sede che dal 1960 ospita il Museo dell'Automobile di Torino tra i pochi edifici costruiti appositamente per ospitarvi la collezione di un museo e costituisce anche un particolare esempio di architettura moderna. Il lavoro fu iniziato nell'aprile del 1958 e terminato, per quanto riguarda l'ossatura in cemento armato, nell'agosto del 1960. Furono impiegati complessivamente circa 2300 tonnellate di cemento e 630.000 kg di acciaio sagomato. Il progetto opera dell'architetto Amedeo Albertini, autore, in Torino, anche del Palazzo SAI, dello Stabilimento Lavazza, e degli Uffici RIV; le strutture in cemento armato furono calcolate dall'ingegnere Ivailo Ludogoroff. La costruzione si sviluppa su tre piani, per un'area coperta di 5600 m2, un'area sviluppata di 13.300 m2 ed una cubatura di 72.000 metri cubi. Essa consta di due fabbricati principali collegati da due costruzioni trasversali dette "maniche di collegamento". Le due maniche sono sostenute da altrettante "piramidi rovescie", ossia da quattro pilastri fortemente inclinati che costituiscono una delle soluzioni architettoniche pi originali ed "identificative" del complesso. Altro stilema di indubbio richiamo la grandiosa facciata convessa lunga 114 metri: essa retta da una travata in ferro del peso di 60 tonnellate appoggiata su quattro grossi pilastri in calcestruzzo ed acciaio inossidabile. All'interno dell'edificio sono esposte opere d'arte di grande pregio. Nell'atrio campeggia il grande pannello-mosaico in ceramica policroma, opera di Felice Casorati ed esposto il busto in bronzo di Carlo Biscaretti, firmato da Marco Bisi. Al primo piano si trovano le allegorie scultoree di Lancia, Alfa Romeo e Fiat e il bassorilievo opera di Cesare Merzagora, raffigurante il senatore Giovanni Agnelli.